PRODUZIONI 2018/2019

UN AUTUNNO DI FUOCO

Da The velocity of Autumn
Autore Eric Coble
Adattamento Marco Casazza
Regia Marcello Cotugno
Interpreti Milena Vukotic e Maximilian Nisi

Scene Luigi Ferrigno
Costumi Andrea Stanisci
Luci Marcello Cotugno

Alessandra è un’artista di 79 anni alla resa dei conti con la sua famiglia per stabilire dove trascorrerà i suoi ultimi anni di vita. Nel mondo di Alessandra c’è arguzia, una passione vulcanica e il fatto che si è barricata nella sua casa con una pila di bombe Molotov. Quando il figlio di Alessandra, Chris, che si era allontanato a lungo da casa, ritorna dopo vent’anni infilandosi dalla finestra del secondo piano, le bombe emotive iniziano a detonare.

Prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi, agosto 2018

DISPONIBILITÀ: DA OTTOBRE 2018 A GENNAIO 2019, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


IL FU MATTIA PASCAL

Autore Luigi Pirandello
Adattamento Daniele Pecci
Regia Guglielmo Ferro
Interpreti Daniele Pecci con Rosario Coppolino e Maria Rosaria Carli e con Giovanni Maria Briganti, Adriano Giraldi, Diana Höbel, Marzia Postogna e Vincenzo Volo

Scene Salvo Manciagli
Costumi Françoise Raybaud
Musiche Massimiliano Pace

Mattia Pascal vive in un immaginario paese della Liguria. Il padre gli ha lasciato una discreta eredità, che presto va in fumo a causa dei maneggi dell’amministratore. Per vendicarsi, Mattia ne compromette la nipote, che poi è costretto a sposare. La vita familiare è un inferno, umiliante l’impiego. Mattia decide di fuggire. A Montecarlo vince un’enorme somma di denaro e legge per caso su un giornale della sua presunta morte. Ha finalmente la possibilità di cambiare vita…

NOTE DI REGIA 

“Tre personaggi: Mattia Pascal, Adriano Meis, il redivivo Mattia Pascal. 
La Morte dell’identità delle maschere nude. 
La rinascita attraverso qualcosa di nuovo: l’umorismo. 
La decomposizione della morte nella vita.  
La semplicità che serve la complessità è la scelta estetica e registica della messinscena del romanzo di Pirandello, così come per i tanti testi pirandelliani già realizzati.
È la stessa lingua che lo impone. È la complessità filosofica che lo esige. È il profondo sentire che ritrovo in Pirandello ad avermi sempre consentito di esprimere le geometrie e i ritmi serrati che sono alla base del mio concetto di regia. 
L’adozione di una recitazione lineare, l’essenzialità del messaggio drammaturgico in questo Il Fu Mattia Pascal servono a ripartire i tre personaggi, i tre punti di vista delle diverse vicende. 
È uno stare in equilibrio di Mattia sulla scena. 
I portali del baratro sono sempre in azione. Si aprono e si chiudono su ricordi, incubi, amori, malumori, famiglie, donne, città. 
Un’acrobazia della coscienza sull’incoscienza, della Morte sulla vita. Ed è in questi azzardi di Mattia che cadono gli altri personaggi: tutti traditi e traditori. Vittime e carnefici impastati. 
E allora Mattia è un codardo o è un eroe negativo? 
È Mattia Pascal e si tiene in bilico… con il rischio di cadere sempre giù.”

Guglielmo Ferro

Prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi, luglio 2018

DISPONIBILITÀ: DA OTTOBRE 2018 A FEBBRAIO 2019, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste / Coproduzione con Arca Azzurra Teatro / in collaborazione con ABC Produzioni

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


NOTTE DI FOLLIA

Autore Josiane Balasko

Regia Antonio Zavatteri
Interpreti Debora Caprioglio, Corrado Tedeschi
e con Alessandro Marmorini

Un incontro inatteso al bar di una stazione. Un noto conduttore di un programma TV beve per dimenticare e, brillo, importuna una cliente sotto gli occhi di un barista irriverente e dalla battuta pronta. Lei, da poco uscita di prigione, non si lascia mettere i piedi in testa e anzi risponde per le rime. Due persone agli antipodi, sole, accomunati dallo stesso segreto iniziano un dialogo divertente e serrato finché man mano che la notte si fa più assurda emerge il vero malessere che pervade e unisce queste due singolari anime. L’amnesia al risveglio del protagonista Jacques trasporterà i tre personaggi  in un turbinio di follia dove, tra offese, battute e malintesi, emerge ciò che veramente conta, ciò che attira un essere umano verso l’altro.

DISPONIBILITÀ: DA NOVEMBRE 2018 A GENNAIO 2019, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Scheda spettacolo

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


LA CENA PERFETTA

Autore Sergio Pierattini 

Regia Nicola Pistoia

Interpreti
Daniela Morozzi
Blas Roca Rey

Ariele Vincenti
Monica Rogledi
e con la partecipazione di Nini Salerno

In una banlieue di Parigi, il “Girgenti”, piccolo ristorante dalla conduzione scalcinata e familiare, si prepara ad accogliere la quanto mai insperata visita di un ispettore della Guida Michelin.
L’esuberante proprietario del locale siciliano, lo chef Salvatore, insieme alla socia Lucia, al cameriere rumeno Cristian e alla moglie di Salvatore, Caterina, attendono con ansia l’avvenimento, che amplifica tutti i conflitti di una gestione a dir poco disastrosa, per gli acquisti maniacali e dispendiosi del padrone di casa, uniti alla sua tendenza ad alzare spesso il gomito. E poi ci sono i debiti, l’eccentricità del cameriere, l’eccessiva generosità di Salvatore e le lamentele della moglie, che completano una conduzione che sta portando il locale al disastro.  Per questo cresce l’ansia per l’arrivo del critico gastronomico: tutto potrebbe cambiare con l’attribuzione delle  famosissime stelle Michelin, ma a patto di realizzare una cena perfetta! Ma non tutto andrà come previsto… 

DISPONIBILITÀ: DA FEBBRAIO 2019

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Scheda spettacolo

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


ANCHE LE PULCI HANNO LA TOSSE!

Autore Fulvio Tomizza
Adattamento teatrale Ugo Vicic

Regia Diana Höbel
Personaggi
SALTELLINA/pulce Enza De Rose
TZATZIRA/zanzara Leonora Surian Popov (soprano)
TESSITORI/ragno Francesco Godina
LOCOMOTORE/millepiedi Stefano Surian (tenore)

Musiche Carlo Moser
Arrangiamento Aleksandar Valenčić
Scenografie Anton Plešić
Costumi Manuela Paladin Šabanović
Disegno luci Bruno Guastini
Assistente scenografo Filip Buković
Assistente costumista Ivana Butković

I personaggi della favola, animaletti umanizzati e parlanti, sono figurette vive e vere, tratteggiate con poche parole o con descrizioni più ampie, delineate con freschezza immaginativa e naturalezza di similitudine. Una certa forza comica non disgiunta da disincanto ironico è espressa da questi bizzarri protagonisti che denotano l’abilità dell’autore di rendere partecipi i lettori dei loro vizi e virtù, dei loro drammi e delle loro eccessive ambizioni: con la brillante concisione e l’immaginazione visiva, l’arguzia e l’ingegnosità dello scrittore di talento, Tomizza narra le loro vicende e, con il gusto quasi epigrammatico della battuta mordace, conclude la scena con una brusca antitesi e il taglio onesto dell’adattamento di Ugo Vicic  lo rende un monito a comportarsi con umiltà.

Tecnica Teatro d’Attore
Fascia d’età dai 4 ai 10 anni
Durata 1 ora circa

Lo spettacolo debutterà il 3 Gennaio 2018
Disponibile da Gennaio 2018, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste / Coproduzione con il Dramma italiano di Fiume – Teatro Nazionale Croato “Ivan Zajc”

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


PARTENZA IN SALITA

Autore Gianni Clementi
Regia Marco Rampoldi e Corrado Tedeschi
Interpreti Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi

Chi, imparando a guidare, non ha mai provato difficoltà nella  partenza in salita? Capire la giusta sincronia fra il rilascio del freno a mano, della frizione e la giusta  dose  di  accelerazione, quando  si  è  alle  prime  armi,  non  risulta  semplice.  Come  non  è  semplice  affrontare  il mare  magnum  della  “Vita”  per  una  ragazza  di  18  anni  appena  compiuti.  E  se  alle difficoltà  proprie  di  un’età  si  aggiungono  le  incertezze  e  l’immaturità  di  un  padre  Peter Pan,  improvvisato ed impaziente istruttore di guida, allora la miscela può diventare davvero esplosiva!

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste / Skyline Productions

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina

© 2016 La Contrada - Teatro Stabile di Trieste sas impresa sociale di Livia Amabilino e C. P.I. 00199460320.