PRODUZIONI 2019/2020

HOLLYWOOD BURGER – novità

Autore Roberto Cavosi
Regia Pino Quartullo
Interpreti Enzo Iacchetti, Pino Quartullo e Fausto Caroli

Scenene Costumi Andrea Stanisci

Quanti possono dire di aver raggiunto le mete che si erano prefissati all’inizio della propria vita? Quanti possono essere pienamente soddisfatti per aver realizzato il proprio sogno?
In una mensa per artisti negli Studios ad Hollywood, due attori mitomani, assolutamente alla deriva ma tenacemente aggrappati al sogno del cinema, se ne dicono e ne fanno di tutti i colori; si passano e spalmano sui loro hamburger senape, maionese, ketchup, con un fare convulso e ingordo come la loro voglia di far parte, in un modo o nell’altro, della magia di Hollywood.

Prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi, luglio 2019

DISPONIBILITÀ: DA FEBBRAIO AD APRILE 2020, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Download Scheda Artistica

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


L’ANIMA BUONA DI SEZUAN – novità

Autore Bertolt Brecht
Traduzione e Adattamento Roberto Menin
Regia Monica Guerritore
Interpreti Monica Guerritore e con: Matteo Cirillo, Alessandro Di Somma, Vincenzo Gambino, Francesco Godina, Diego Migeni, Lucilla Mininno e Marco Zordan

Monica Guerritore nel doppio ruolo della buona prostituta Shen-Te e del suo perfido e inventato cugino, cura anche la regia, ispirata alla versione che Giorgio Strehler diresse nel ’81 al Piccolo Teatro di Milano. Un nuovo allestimento – pensato per la contemporaneità teatrale che ci circonda – ma con un legame strettissimo all’immenso patrimonio della tradizione milanese.

DISPONIBILITÀ: DA OTTOBRE 2019, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste in collaborazione con ABC Produzioni

Download Scheda Artistica

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


UN AUTUNNO DI FUOCO – ripresa

Da The velocity of Autumn
Autore Eric Coble
Adattamento Marco Casazza
Regia Marcello Cotugno
Interpreti Milena Vukotic e Maximilian Nisi

Scene Luigi Ferrigno
Costumi Andrea Stanisci
Luci Marcello Cotugno

Alessandra è un’artista di 79 anni alla resa dei conti con la sua famiglia per stabilire dove trascorrerà i suoi ultimi anni di vita. Nel mondo di Alessandra c’è arguzia, una passione vulcanica e il fatto che si è barricata nella sua casa con una pila di bombe Molotov. Quando il figlio di Alessandra, Chris, che si era allontanato a lungo da casa, ritorna dopo vent’anni infilandosi dalla finestra del secondo piano, le bombe emotive iniziano a detonare.

Prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi, agosto 2018

DISPONIBILITÀ: DA OTTOBRE 2019 A GENNAIO 2020, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Download Scheda Artistica

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


IL FU MATTIA PASCAL – ripresa

Autore Luigi Pirandello
Regia Guglielmo Ferro
Interpreti Pino Quartullo e altri 5 attori in via di definizione

Scene Salvo Manciagli
Costumi Françoise Raybaud
Musiche Massimiliano Pace

Mattia Pascal vive in un immaginario paese della Liguria. Il padre gli ha lasciato una discreta eredità, che presto va in fumo a causa dei maneggi dell’amministratore. Per vendicarsi, Mattia ne compromette la nipote, che poi è costretto a sposare. La vita familiare è un inferno, umiliante l’impiego. Mattia decide di fuggire. A Montecarlo vince un’enorme somma di denaro e legge per caso su un giornale della sua presunta morte. Ha finalmente la possibilità di cambiare vita…

NOTE DI REGIA 

“Tre personaggi: Mattia Pascal, Adriano Meis, il redivivo Mattia Pascal. 
La Morte dell’identità delle maschere nude. 
La rinascita attraverso qualcosa di nuovo: l’umorismo. 
La decomposizione della morte nella vita.  
La semplicità che serve la complessità è la scelta estetica e registica della messinscena del romanzo di Pirandello, così come per i tanti testi pirandelliani già realizzati.
È la stessa lingua che lo impone. È la complessità filosofica che lo esige. È il profondo sentire che ritrovo in Pirandello ad avermi sempre consentito di esprimere le geometrie e i ritmi serrati che sono alla base del mio concetto di regia. 
L’adozione di una recitazione lineare, l’essenzialità del messaggio drammaturgico in questo Il Fu Mattia Pascal servono a ripartire i tre personaggi, i tre punti di vista delle diverse vicende. 
È uno stare in equilibrio di Mattia sulla scena. 
I portali del baratro sono sempre in azione. Si aprono e si chiudono su ricordi, incubi, amori, malumori, famiglie, donne, città. 
Un’acrobazia della coscienza sull’incoscienza, della Morte sulla vita. Ed è in questi azzardi di Mattia che cadono gli altri personaggi: tutti traditi e traditori. Vittime e carnefici impastati. 
E allora Mattia è un codardo o è un eroe negativo? 
È Mattia Pascal e si tiene in bilico… con il rischio di cadere sempre giù.”

Guglielmo Ferro

Prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi, luglio 2018

DISPONIBILITÀ: DA OTTOBRE 2019 A GENNAIO 2020, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste / Coproduzione con Arca Azzurra Teatro / in collaborazione con ABC Produzioni

Download Scheda Artistica

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


NOTTE DI FOLLIA – ripresa

Autore Josiane Balasko

Regia Antonio Zavatteri
Interpreti Debora Caprioglio, Corrado Tedeschi
e con Alessandro Marmorini

Un incontro inatteso al bar di una stazione. Un noto conduttore di un programma TV beve per dimenticare e, brillo, importuna una cliente sotto gli occhi di un barista irriverente e dalla battuta pronta. Lei, da poco uscita di prigione, non si lascia mettere i piedi in testa e anzi risponde per le rime. Due persone agli antipodi, sole, accomunati dallo stesso segreto iniziano un dialogo divertente e serrato finché man mano che la notte si fa più assurda emerge il vero malessere che pervade e unisce queste due singolari anime. L’amnesia al risveglio del protagonista Jacques trasporterà i tre personaggi  in un turbinio di follia dove, tra offese, battute e malintesi, emerge ciò che veramente conta, ciò che attira un essere umano verso l’altro.

DISPONIBILITÀ: DA FEBBRAIO 2020, La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

Download Scheda artistica

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina


PARTENZA IN SALITA – ripresa

Autore Gianni Clementi
Regia Marco Rampoldi e Corrado Tedeschi
Interpreti Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi

Chi, imparando a guidare, non ha mai provato difficoltà nella  partenza in salita? Capire la giusta sincronia fra il rilascio del freno a mano, della frizione e la giusta  dose  di  accelerazione, quando  si  è  alle  prime  armi,  non  risulta  semplice.  Come  non  è  semplice  affrontare  il mare  magnum  della  “Vita”  per  una  ragazza  di  18  anni  appena  compiuti.  E  se  alle difficoltà  proprie  di  un’età  si  aggiungono  le  incertezze  e  l’immaturità  di  un  padre  Peter Pan,  improvvisato ed impaziente istruttore di guida, allora la miscela può diventare davvero esplosiva!

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste / Skyline Productions

CONTATTI:
Presidente: Livia Amabilino
Direttore organizzativo: Diego Matuchina

© 2018 La Contrada - Teatro Stabile di Trieste sas impresa sociale di Livia Amabilino e C. P.I. 00199460320 Codice univoco per fatture elettroniche: SUBM70N