PRODUZIONI TEATRO RAGAZZI 2017/2018


ANCHE LE PULCI HANNO LA TOSSE!

di Fulvio Tomizza

regia: Diana Höbel
con: Leonora SurianEnza De RoseFrancesco Godina ed un attore in via di definizione

musiche: Carlo Moser
costumi: Manuela Palladin
scenografia: Toni Plešić

I personaggi della favola, animaletti umanizzati e parlanti, sono figurette vive e vere, tratteggiate con poche parole o con descrizioni più ampie, delineate con freschezza immaginativa e naturalezza di similitudine. Una certa forza comica non disgiunta da disincanto ironico è espressa da questi bizzarri protagonisti che denotano l’abilità dell’autore di rendere partecipi i lettori dei loro vizi e virtù, dei loro drammi e delle loro eccessive ambizioni: con la brillante concisione e l’immaginazione visiva, l’arguzia e l’ingegnosità dello scrittore di talento, Tomizza narra le loro vicende e, con il gusto quasi epigrammatico della battuta mordace, conclude la scena con una brusca antitesi e il taglio onesto dell’adattamento di Ugo Vicic  lo rende un monito a comportarsi con umiltà.

Tecnica Teatro d’Attore
Fascia d’età dai 4 ai 10 anni
Durata 

Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola

Debutto previsto il 3 Gennaio 2018

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste/Dramma italiano di Fiume – Teatro Nazionale Croato “Ivan Zajc”

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


C’ERA UNA VOLTA… CERCASI!

Scritto da: Stefano Bartoli

Regia: Enza De Rose
Interpreti: Laura Antonini e Stefano Bartoli

Tutti conoscono la classica storia d’amore. Lui, un principe coraggioso pronto a sfidare ogni sorta di avversità per conquistare lei, principessa bellissima e di buon cuore. Il lieto fine, conclusione perfetta per ogni fiaba. Ma che cosa succederebbe se qualcuno rubasse il lieto fine a tutti? Nessuna storia potrà più avere la sua conclusione, nessuno più potrà iniziare raccontando “C’era una volta…”.

Dimenticate le fiabe per come le avete sempre conosciute, perché in questo testo affronterete un viaggio ricco di mistero e colpi di scena. Un viaggio dove ogni personaggio mostra la sua vera natura, dove ogni fiaba si mescola alle altre. I personaggi che tutti conosciamo presentati in modo nuovo ed inaspettato. Eroi cattivi e cattivi eroici, un agenzia segreta e missioni pericolosissime. Cosa manca per rendere speciale la nostra storia? Forse… un lieto fine.

Tecnica Teatro d’attore
Fascia d’età dai 3 ai 10 anni
Durata 
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


LA GATTA CON GLI STIVALI

Scritto da: Livia Amabilino
Tratto da. “La Gatta” di Basile

Regia: Helena Husu
Interpreti: Valentino Pagliei, Francesco Godina e Enza De Rose

Scene: Gisella Leone
Costumi: Rossella Plaino

Il testo, scritto da Livia Amabilino è tratto dalla favola originale di Basile con un’aggiunta di stivali, che nella versione originale non c’è, e un finale a lieto fine. La favola infatti ha ispirato quella che sarebbe poi diventato il Gatto con gli stivali di Ludwig Tieck, ma appare anche in diverse versione: dai Fratelli Grimm a Charles Perrault.

La gatta in questione aiuta un pover uomo a far fortuna, a sposare una principessa dal caratterino non facile ma in fondo buona e amorevole e a diventar signore. Soprattutto insegna ai piccoli spettatori il valore dell’amicizia e della gratitudine. La scenografia è resa speciale dalle videoproiezioni curate da Enza de Rose e dalla tecnica ispirata al Teatro delle ombre dove le silhouette degli attori, attraverso un grande telo bianco – interagiscono con le immagini proiettate creando sfondi dentro cui le ombre nuotano, si baciano, ballano e cantano. Musica e canzoni infatti non mancheranno a rendere suggestiva la rappresentazione anche grazie alla voce della cantante lirica Valentina Sancin. Elena Husu porta in scena Francesco Godina, Valentino Pagliei e Enza De Rose in un vortice di vicissitudini narrate oltre che con musica e parole, anche attraverso l’utilizzo fisico portando gli attori a lavorare molto con il corpo. La regista infatti ha studiato alla London international school of performing arts che segue la metodologia di Jacques Lecoq che applica in questo spettacolo insieme alla Commedia dell’Arte e forme di clownerie.

Tecnica Teatro d’attore, Commedia dell’Arte e forme di clownerie
Fascia d’età dai 4 agli 11 anni
Durata 55 minuti
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


I MUSICANTI DI BREMA

Regia: Daniela Gattorno

LA BLUES BAND è formata da: Enza De Rose, Francesco Godina e Francesco Paolo Ferrara.
Musiche originali di: Franco Trisciuzzi che firma anche le canzoni con Livia Amabilino e Daniela Gattorno.

Scene: Gisella Leone
Costumi: Rossella Plaino
Disegno luci: Roberto Vinattieri

Voci registrate di: Daniela Gattorno, Enza De Rose, Francesco Godina e Francesco Paolo Ferrara.

Tratta dalla famosa fiaba dei Fratelli Grimm, la nuova proposta della Contrada per l’Infanzia e la gioventù “I musicanti di Brema ovvero The old animals band/La banda dei vecchi animali” è un vero e proprio spettacolo musicale. La storia dell’asino che scappa per evitare di essere macellato e che parte alla volta di Brema appassionerà i più piccoli ma anche gli spettatori adulti, che si divertiranno in questo viaggio strampalato. Lungo il suo cammino l’asino incontrerà un cane, che pieno di acciacchi e molto affamato deciderà di seguirlo, dimostrandosi pronto a sua volta a entrare a far parte della banda della città tedesca. I due amici acciaccati e brontoloni si imbattono in una gatta non più giovane a sua volta che con astuzia riuscirà a farsi accettare e ad accompagnarli, pronta ad esibirsi come cantante. Durante il cammino riescono a salvare un gallo dalla pentola della sua proprietaria e con un amico in più continueranno il loro percorso finchè non arriveranno a una casa in cui vedono dei briganti che stanno gozzovigliando. Improvvisano quindi la loro prima esibizione da quartetto, per riuscire a spaventarli e a trovare quindi un rifugio per la notte oltre a del cibo. I briganti, spaventati dal trambusto pensano che la casa sia infestata dai fantasmi e scappano, lasciando campo libero agli animali. Durante la notte però un brigante ritorna, per cercare di capire cosa sia successo e non riuscendo a vedere bene si trova a fronteggiare gli animali scambiandoli per streghe, vampiri e arrivando persino a immaginare la presenza di un giudice. I briganti, sconcertati, lasceranno la casa e i quattro amici, accusando il peso della loro vecchiaia, decideranno di suonare la loro musica lì, accogliendo i loro visitatori.

Età consigliata dai 3 ai 10 anni

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


Bella e bestia

BELLA E BESTIA OVVERO
UNA ROSA NON È SOLO UNA ROSA …

Liberamente tratto dalla fiaba tradizionale
di: Livia Amabilino e Lorella Tessarotto

Regia: Daniela Gattorno

Interpreti: Enza De Rose, Valentino Pagliei, Francesco Godina

Musiche originali: Franco Trisciuzzi con la collaborazione di Livia Amabilino e Daniela Gattorno
Scene: Gisella Leone
Costumi: Rossella Plaino e Daniela Gattorno
Disegno luci: Francesco Orrendo
Maschera per la Bestia: Giulio Settimo

La bestia della fiaba omonima è qui un giovane principe, ma anche un ragazzo di oggi, con grandi orecchie e sopracciglia pelose, trasformato in un essere orribile dalla solita strega malvagia. Ma Bestia non si arrende e vuole trovare la ragazza giusta per spezzare l’incantesimo che lo opprime. E’ così che, quando un padre sta per cogliere una rosa in regalo per la figlia preferita, alla Bestia viene offerta la grande opportunità di costringere una ragazza a vivere con lui, nella speranza di riuscire a convolare a nozze. Bella per sua fortuna non è solo carina, ha un grande cuore e accetta di conoscere Bestia, che è brutta davvero, ma simpatica e anche un po’ romantica. Tra i due si instaura un rapporto speciale, che trascende l’aspetto fisico, capace di spezzare ogni incantesimo, partendo dall’accettazione di sé. Tra sorelle intigranti e pasticcione, un padre negato per gli affari ma col cuore di poeta e un cameriere pieno di simpatia, si snoda una vicenda dal finale un po’ speciale.

Tecnica Teatro d’attore
Fascia d’età dai 4 agli 11 anni
Durata 55 minuti
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

Liberamente tratto dalla fiaba tradizionale
Adattamento: Giulio Settimo

Interpreti: Enza De Rose, Valentino Pagliei, Francesco Paolo Ferrara

Regia: Giulio Settimo

Scene: Zorin Dom Karlovac (Croazia)
Costumi: Zorin Dom Karlovac (Croazia)
Maschere: Giovanni Settimo

Un titolo che ha ispirato tantissimi registi teatrali e cinematografici, che vi hanno trovato la giusta ispirazione per i loro lavori. Adatto ai più piccoli, ma in grado di convincere anche gli adulti, il testo di Lewis Carrol dal 1865 è uno dei più amati al mondo. In questa nuovissima messinscena, il regista Giulio Settimo ha deciso di basarsi, come spesso accade, anche sul seguito, intitolato “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”, mantenendosi fedele all’originale ma concedendosi anche delle aggiunte. La vicenda è quindi ambientata al giorno d’oggi.

Alice è una bambina di otto anni con la testa tra le nuvole, che a scuola fatica a seguire le lezioni perché la sua fantasia troppo spesso la porta a girovagare per altri luoghi. Nel paese delle meraviglie, appunto, che è un posto in cui incontra tanti buffi personaggi, come il Bruco Buffo o il Cappellaio matto. Questo suo percorso la porta però a conoscere le diverse discipline scolastiche come la matematica, la storia, la geografia, l’inglese e l’italiano, prima di arrivare a confrontarsi con il test più importante, ovvero l’incontro con la famigerata Regina di Cuori, che minaccia di tagliarle la testa, perché non è adeguatamente preparata. Per la prima volta nella sua storia la Contrada produce uno spettacolo di teatro di figura. In questa messinscena infatti il teatro si fonde con il teatro di figura misto e l’animazione a vista. Burattini e muppet animeranno tutta la vita nel paese delle meraviglie, nel quale la stessa Alice arriverà trasformata in un burattino.

Teatro d’attore e Pupazzi
Fascia d’età dai 4 ai 11 anni
Durata 55 minuti
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 6x4m percorribibile da
elementi scenici con ruote – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3,5 ore in teatro, 60 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 50 min. a scuola

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


MAGICO PONTE COLORATO

Regia: Enza De Rose

Interpreti: Enza De Rose e Francesco Paolo Ferrara

“Il magico ponte colorato” è la storia di due bambini che si incontrano su un prato e che dal primo istante non si sopportano perché entrambi sono convinti che l’altro sia “strano”. Il bimbo non vuole rivelare alla bambina di essere dislessico, e lei non ci tiene affatto a rivelare di essere affetta da daltonismo. Una strana magia li costringe a unirsi per sconfiggere una strega cattiva e i loro punti deboli si riveleranno determinanti per la vittoria finale. Un’esperienza così entusiasmante non può che rivelarsi l’inizio di una vera amicizia per i due piccoli eroi.

Fascia d’età dai 2 ai 7 anni
Durata 40/45 min

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


LA BELLA LAVANDERINA
Storie Colorate fra Bolle di Sapone

Da un’idea di: Daniela Gattorno
Interprete: Daniela Gattorno

Ideata e portata in scena da Daniela Gattorno. E’ l’antica canzoncina che tutti conoscono a fare da sottofondo alla storia di Serafina, una lavandaia maldestra e un po’ pasticciona ma innamoratissima del suo lavoro che considera un vero e proprio tesoro. Tra grandi tinozze di acqua saponata, Serafina immerge il suo bucato, ma ad ogni indumento si lega una storia, una filastrocca o una canzone.
Sono sette i colori che caratterizzano i protagonisti delle storie che pian piano troveranno posto sulla corda del bucato per asciugarsi, diventando un allegro carosello variopinto. Un vero e proprio arcobaleno che si rincorrerà tra mille bolle di sapone.

Spettacolo di Teatro Circo
Fascia d’età dai 2 ai 7 anni
Durata 40/45 min

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


QUADRATINO

di: Daniela Gattorno e Livia Amabilino

Interpeti: Daniela Gattorno
Musica dal vivo: Valentino Pagliei

Realizzazione scene: Bruno Guastini eFrancesco Orrendo
Costumi: Andrea Maturani

Età consigliata: dai X ai X anni

“Nel suo mondo quadrato passeggia curiosando il signor… Quadratino! Dietro gli occhiali a quadretti i suoi occhi cercano angoli perfetti!”. Un’occasione dedicata ai più piccoli per esplorare le prime, semplici forme geometriche. Il racconto teatrale offre l’opportunità di creare personaggi, situazioni e oggetti che sempre rimandano alle forme: quadrati, triangoli e cerchi li troviamo dappertutto creati da noi o dalla natura ricordandoci che tutto nasce da lei o a lei si ispira… e poi la musica che ci accompagna, e ci fa sognare… cerchi, triangoli e quadratini!

Tecnica Teatro d’attore, giocoleria e musica dal vivo
Fascia d’età dai 2 ai 6 anni
Durata 45 minuti
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m. – 20kw (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola
In collaborazione con Progetto Teatro&Scuola Ente – Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


BIANCANEVE NON APRITE QUELLA PORTA

Liberamente tratto dalla fiaba tradizionale

Adattamento di: Livia AmabilinoLorella Tessarotto

Regia: Daniela Gattorno
Interpreti: Enza De Rose, Francesco Godina Valentino Pagliei
Con l’amichevole partecipazione di: Adriano Giraldi

Musiche a cura di: Carlo MoserDaniela Gattorno

Scene: DACO srl
Decorazioni: Pierpaolo Rebec
Costumi: Ida Visintin

“C’era una volta…” e per fortuna c’è ancora, la magia delle fiabe! Ironico e divertente, lo spettacolo vuole mostrare ai bambini la protagonista della celebre fiaba un po’ diversa, forse meno dolce e romantica di quella tradizionale o dei film d’animazione, ma che appassiona per la sua sbadataggine. Lo spettacolo è un “divertissement” sul testo della fiaba originale dei fratelli Grimm ma i bambini ritroveranno il burbero Brontolo e i suoi fratelli, il cacciatore, la regina cattiva e un principe un po’ speciale.
Nella leggerezza della proposta si nasconde il tema della necessità delle scelte, delle conseguenze negative dell’invidia e della vanità e quello delle proibizioni, utili e non, che accompagnano il percorso di crescita di ognuno di noi.
Un percorso tra luci ed ombre, come avviene quando si cammina nel bosco, finché il sostegno degli altri e la forza dell’amore non aiutano il passaggio dall’infanzia all’età adulta.

Tecnica Teatro d’attore
Fascia d’età dai 4 ai 11 anni
Durata 55 minuti
Esigenze tecniche spazio scenico minimo 5x3m – 20KW (in teatro)
Tempo di montaggio 3 ore in teatro, 50 min. a scuola
Tempo di smontaggio 1,5 ore in teatro, 40 min. a scuola

La Contrada – Teatro Stabile di Trieste

CONTATTI:
Teatro Ragazzi: Enza De Rose


Per poter rappresentare uno dei nostri spettacoli all’interno delle scuole, scaricate l’apposito modulo.

© 2016 La Contrada - Teatro Stabile di Trieste sas impresa sociale di Livia Amabilino e C. P.I. 00199460320.