Seminario LA REGIA TEATRALE E IL LAVORO DI GRUPPO diretto da MARCO MATTOLINI

PRESENTAZIONE:

Un laboratorio teorico pratico di 4 giornate di 8 ore (dal 25 – 28 aprile 2018)  rivolto a studenti, attori, aspiranti registi, sui vari aspetti della regia teatrale in rapporto agli interpreti, agli autori e ai collaboratori artistici.

Dico sempre che la prima qualità di un buon regista consiste nell’essere il garante dell’armonia di un gruppo, intendendo con questo termine non solo le compagnie di prosa tradizionali ma anche i gruppi autogestiti, gli insiemi di ricerca e sperimentazione, le realtà del teatro per i ragazzi, le compagnie amatoriali.

Ciascuna di queste entità ha problemi e dinamiche diverse alle quali il lavoro creativo del regista deve ispirarsi e delle quali deve fare tesoro all’interno della sua idea di spettacolo, del suo percorso artistico  e del suo peculiare ruolo di direzione.  

Il lavoro sarà svolto in quattro giornate di lavoro dalle 14 alle 22 in modo che nel corso delle mattinate i partecipanti potranno approfondire separatamente alcuni aspetti specifici trattati e dedicarsi allo studio di un breve testo sul quale si lavorerà. 

1.  Il testo

  1. La scelta del testo (classici, contemporanei, novità) – criteri e parametri
  2. Il testo autoprodotto nel work in progress di una compagnia
  3. Prima Analisi del testo

2. Il lavoro sull’attore

  1. Gesto: segno, simbolo, sintomo
  2. La recitazione: dal naturalismo all’interpretazione “epica”
  3. Spontaneità , improvvisazione, ricerca

3. La messa in scena

  1. Scelta del criterio di regia in rapporto al testo e alle necessità espressive di un gruppo/compagnia
  2. Il rapporto con l’autore vivente o trapassato
  3. La traduzione e l’adattamento

4. I collaboratori artistici

  1. Impostazione del lavoro con… 
  2. lo Scenografo
  3. il Costumista
  4. il Musicista
  5. il Light Designer

Questi argomenti saranno trattati contestualmente nei vari giorni in modo da poter prevedere al termine una piccola dimostrazione pubblica del lavoro svolto.

M.M.

CURRICULUM SINTETICO DI MARCO MATTOLINI

Quasi 70 lavori teatrali (la maggior parte dei quali di autore contemporaneo e/o novità assolute per l’Italia), nove musical (“Corto Maltese” di Pratt – Ongaro – Mattolini, musiche di Paolo Conte, “Il gatto che scoprì l’America per il Teatro dell’Opera di Roma, “Polvere di stelle di Zapponi e Micheli, “Parlami di me di Costanzo e Vaime con Christian De Sica, “A un passo dal sogno di Costanzo e Vaime, con Platinette e i ragazzi di “Amici”, “Portami tante rose.it con Valeria Valeri, Paolo Ruffini e i ragazzi di “Amici”, “Roma se nasce di Costanzo-Vaime, “Svegliati e sogna con Rossana Casale, “Altro di me… con Katia Ricciarelli; due opere liriche (“Il gioco dei mostri per l’Accademia di Santa Cecilia di Roma e “Haensel e Gretel” con  l’Orchestra Sinfonica Siciliana),  due  film: “Il mistero del Morca” (1984 Mostra Internazionale del Cinema di Venezia; Festival di Berlino; Festival di Algeri, ecc.), “Per finta e per amore” (2002 Festival de la Comedie di Montecarlo, Festival Cinema di Torino e Miami), oltre cento puntate di fiction televisiva  come regista, oltre 600 ore di televisione come autore o story editor  (di fiction, varietà, documentaristica, cartoni animati), l’ideazione e la cura di decine di eventi di spettacolo dal vivo, una decina di traduzioni e adattamenti per la scena, la direzione artistica del Todi Arte Festival 1999 e di varie imprese e associazioni di produzione dello spettacolo e attualmente quella del Teatro Greco di Roma: questo,  in sintesi,  il bilancio di oltre  35  anni di lavoro.

Fra gli spettacoli più significativi: “Il bacio della donna ragno di Puig (con Giulio Brogi) “Nerone di Terron (con Mario Scaccia), “Bent” di Shermann, (con Emilio Bonucci, Massimo Ghini, Luca Zingaretti) “Come gocce su pietre roventi di Fassbinder, (con Zingaretti e Bonacci) “Il fu Mattia Pascal” e “Uno, nessuno e centomila da Pirandello (con Flavio Bucci), “Gli alibi del cuore di Maraschi, “Sunshine di Mastrosimone, (con Maraingela D’Abbraccio e Massimo De Rossi) “La strana coppia di Simon,(con Zuzzurro e Gaspare) “Hurlyburly” di Rabe (con Capolicchio; Ricky Tognazzi e Simona Izzo), Chi ha paura di Virginia Woolf? di Albee, (con Athina Cenci e Flavio Bucci) “Due di noi di Frayn, con Anna Marchesini e Tullio Solenghi “Mugugni di Berkoff, (con R.Tognazzi, S.Izzo,B.Armando, Franco Castellano) “La Traviata di Lisbona di McNally, con Bruno Armando, Daniele Petruccioli e Pietro Montandon “Caro bugiardo di Shaw – Campbell, (con Marina Malfatti e F. Bucci) “Double act di Clayton, (con Giobbe Covatta) “Se questo è un uomo di Levi, “Quante vite avrei voluto – una storia per Luigi Tenco” di Paterlini, “Come una rana d’inverno”, assieme a Gloria Pomardi. “Sette di aa.vv, con Nancy Brilli, “Ladro di razza di Gianni Clementi con Massimo Dapporto, Blas Roca Rey, Susanna Marcomeni).

Figli di un dio minore di Mark Medoff (con Giorgio Lupano e Rita Mazza),  Cancun di Jordie Galceran (con Pamela Villoresi, Blas Roca Rey, Giancarlo Ratti). 

Fra i lavori più significativi per la TV: nella fiction “Zanzibar (C. Bisio, S. Orlando, A. Finocchiaro), “Due per tre (Dorelli – Goggi), “Don Luca (L. Laurenti), “Casa Italia”, Carabinieri” (stagioni 3, 4, 5, 6, 7, 8), “Al di là del lago”. Nell’intrattenimento: “Emilio” (’89 e ’90), “Serata D’Onore (’90 e ’91), “Domenica In (1994 – M. Venier), Ars Amanda (A.  Lear), “Cielito lindo (Bisio, Cenci, Littizzetto), “Chi ha incastrato Peter Pan? (Bonolis), “Seratissima (Canale 5).  

© 2016 La Contrada - Teatro Stabile di Trieste sas impresa sociale di Livia Amabilino e C. P.I. 00199460320.