top of page

'Equilibri instabili', al via le nuove residenze artistiche del teatro La Contrada di Trieste - TGR FVG 18/04/24

Aggiornamento: 22 apr



Sei appuntamenti da maggio a dicembre con innovativi progetti teatrali che saranno 'restituiti' al pubblico in diversi luoghi della città.


Sei giovani artisti che guardano ai temi più urgenti del mondo contemporaneo, ma anche al nostro futuro, attraverso le diverse declinazioni del teatro, della danza, dell’arte: sono le protagoniste e i protagonisti del nuovo ciclo di ‘Vettori’, le nuove residenze artistiche del teatro La Contrada di Trieste per l'anno 2024. 


A portare i loro progetti in via di sviluppo negli spazi del teatro, per poi condividerli con il pubblico in diversi luoghi della città saranno la danzatrice Nunzia Picciallo insieme alla drammaturga Tita Tummillo (protagoniste del primo appuntamento, il 7 maggio al Teatro dei Fabbri), l’artista concettuale Czar Kristoff, il danzatore Marco D’Agostin e la drammaturga Chiara Bersani, l’attrice e autrice Caterina Filograno con altri tre attori, l’attore e autore Pietro Cerchiello, e l’attore, drammaturgo e regista triestino Andrea De Robbio insieme al batterista e body percussionist Anselmo Luisi.


Il titolo che riunisce le loro residenze è ‘Equilibri instabili’, un ossimoro che ben racconta il sentimento condiviso del nostro tempo in cui, come dice la direttrice artistica della Contrada, Livia Amabilino, “la bufera del Coronavirus assommata alla prima guerra europea dopo un lungo periodo di pace, e al terribile conflitto del Medio Oriente, ha scosso la comunità globale: la precarietà è avvertita come stato permanente e la cosiddetta ‘vita virtuale’ si è arricchita enormemente e continuerà ad accelerare. Difficile davvero pensare di tornare semplicemente a prima”. 


Forse però, continua Amabilino, “è possibile cogliere questa occasione per disegnare nuovi equilibri, nei rapporti con la famiglia, con i partner, con il lavoro, tra i cittadini, nelle gerarchie sociali. ‘Equilibri instabili’ forieri di crisi, inciampi, cadute e risalite”. Perciò, conclude, “abbiamo chiesto agli artisti di lavorare su un’analisi del presente per delineare il futuro prossimo”. 

Gli artisti saranno ospiti della Contrada per un periodo di quindici giorni ciascuno, al termine del quale il pubblico sarà invitato, in teatro o in altri spazi della città, ad assistere alla restituzione, “il momento cioè in cui l’artista mette a nudo il lavoro che è stato fatto nel periodo di residenza”, spiega Amabilino. 


Ad accompagnare gli artisti nel loro percorso a Trieste ci saranno dei tutor, chiamatispettatori esperti’: Paolo Quazzolo, professore di Storia del Teatro all’Università degli Studi di Trieste, il critico teatrale Roberto Canziani, il regista Alessandro Marinuzzi, l’attrice e regista Valentina Magnani, l’esperto di arte contemporanea Marco Puntin, la curatrice e giornalista Eunice Tsang, a cui si affiancheranno l'organizzatore sul campo Mario Bobbio e la stessa Direttrice artistica Amabilino.


La prima residenza in programma è quella di Nunzia Picciallo che porta a Trieste il suo progetto ‘Lemmy B’ insieme alla drammaturga Tita Tummillo (restituzione al pubblico: 7 maggio, ore 18 al Teatro dei Fabbri), un lavoro in progress tra danza e performance che riflette sull’identità e sulla paura dovuta alla disuguaglianza di genere.


In luglio arriverà alla Contrada l’artista filippino Czar Kristoff che ha un rapporto diretto con il territorio: parte della sua famiglia è emigrata a Trieste. Con il suo progetto 'BE/COM/ING A monument' riflette sulla migrazione, la memoria e le radici per esplorare come, perché, quando i monumenti vengono costruiti, mantenuti, celebrati, anche demoliti (restituzione al pubblico: 12 luglio).


Il danzatore Marco D’Agostin con Chiara Bersani e i suoi performer porta a Trieste il suo nuovo lavoroAsteroide’ (restituzione al pubblico: 26 luglio), perfettamente in linea col tema degli ‘equilibri instabili’: la paura dell’asteroide ci coinvolge tutti e dà l’idea di qualcosa che ci può sfiorare da un momento all'altro. D'Agostin, però, la contamina con il musical. 


Caterina Filograno arriva al Teatro La Contrada con il suo gruppo di attori per sviluppare il progetto di teatro di prosa ‘Oleandra’ (restituzione al pubblico: 14 ottobre), che racconta il Metaverso e il presente in tutte le sue contraddizioni attraverso la storia di una pianta di oleandro virtuale. 


L’attore Pietro Cerchiello porterà alla Contrada il progetto ‘Teniche di lavoro di gruppo - Appunti per uno Schiuma Party’ (restituzione al pubblico: 2 dicembre), frutto di tre anni di insegnamento nelle scuole medie di provincia durante i quali l’autore ha raccolto suggestioni, interviste e materiali utili alla scrittura per uno spettacolo che parla di ragazzi, nuove generazioni, barriere comunicative nella scuola e nella società di oggi.

Infine, l’artista e regista triestino Andrea De Robbio insieme al percussionista Anselmo Luisi lavoreranno in residenza a ‘Algoritmo’ (restituzione al pubblico: 20 dicembre), un progetto di teatro fisico che porta in scena un’intelligenza artificiale clownesca che trascina il pubblico nel suo mondo musicale-surreale, eseguendo ordini ed esaudendo desideri.



7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page