top of page

La Contrada celebra il duo Carpinteri e Faraguna al Museo Sartorio - FREAKS ONLINE 16/06/24


Proseguono gli appuntamenti della rassegna teatrale estiva Let’s Play, organizzata dai teatri La Contrada, Bonawentura/Teatro Miela e lo Stabile Sloveno in collaborazione con il Comune di Trieste. La programmazione, questa settimana capitanata dal Teatro La Contrada, dopo l’apertura con la replica della coproduzione “Trieste è il mare” e il doppio appuntamento “Dall’Istria con… Amor! Cabaret!”, si chiuderà con una dedica al centenario dalla nascita della famosa coppia di giornalisti triestini Lino Carpinteri e Mariano Faraguna, autori delle celebratissime “Maldobrie” che tante volte sono stati rappresentati dal Teatro La Contrada.

Lo spettacolo “Putele…e putei. Carpinteri e Faraguna 100” – in scena il 23 giugno alle ore 21.00 nei giardini del Sartorio rappresenterà un tuffo nel passato, in quella presunta età dell’oro di Trieste all’epoca della Defonta, come scherzosamente è definita l’epoca dell’Impero Austro-Ungarico. Ad accompagnarci in questo viaggio ci saranno Ariella Reggio che, con Adriano Giraldi, racconterà del mondo di ieri ad alcuni giovani in scena – Giacomo Segulia e Zoe Pernici, accompagnati dal sottofondo musicale di Enza De Rose – che stupiti assisteranno al rivivere di un mondo lontano.


“Lo spettacolo” – spiega Giacomo Segulia, che ne cura anche la regia – “ci catapulta nella vita di una famiglia triestina, poiché sono proprio le intricate dinamiche familiari a fungere da fulcro della narrazione, esplorandone i rapporti intricati, resi con acume e ironia da Carpinteri e Faraguna. Il testo è un mosaico di racconti, poesie e frammenti da opere iconiche come “Co ierimo putei”, “Cosa dirà la gente” e “Le Maldobrie” nelle quali gli spettatori si ritroveranno riflessi, potendo godere in scena di quelle pagine dialettali divenute un patrimonio condiviso”.

I biglietti sono acquistabili anche la sera stessa al Museo Civico Sartorio, prima dello spettacolo o da Ticket Point in Corso Italia 9 (Galleria Rossoni), oppure online sul sito www.vivaticket.it.


6 visualizzazioni0 commenti

תגובות


bottom of page