VETTORI

Con il sostegno di

Con il sostegno di

Logo Mic.png
Logo FVG.png

Con la collaborazione di

Logo TS.png

Con il progetto VETTORI prosegue il sostegno della Contrada alla ricerca e alla sperimentazione attraverso la creazione di spazi di esperienza nei quali artisti di vari ambiti, studiosi e cittadini possano mettere in campo le proprie competenze al fine di dar vita ad un sapere condiviso. L’artista, come portatore di ‘equilibri instabili’, sarà il catalizzatore che ispira lo spettatore attivo a sviluppare una nuova coscienza sulle connessioni remote ed inaspettate tra diverse culture e individui, per la prefigurazione di un “dopo”, che immaginiamo dai confini ancora labili.

Clicca qui per vedere la Conferenza Stampa di Vettori 2022

CALL PER ARTISTI 2023

 

La presente call è aperta dalla Contrada Teatro stabile di Trieste, nell’ambito del Bando
del progetto Residenze artistiche/Artisti nei territori 2023 finanziato e promosso dalla
Regione Friuli Venezia Giulia e dal Ministero della Cultura.

Iscriviti a Vettori 2023
UPLOAD
UPLOAD

La registrazione è andata a buon fine. A presto!

Residenze Artistiche 2022

TESLA

dal 2 al 16 settembre 2022

progetto ideato da Ksenija Martinovic e dal drammaturgo Federico Bellini Restituzione: TESLA. Il ruolo del Dramaturg in Italia - conversazione con Alessandro Marinuzzi e Paolo Quazzolo e gli artisti in residenza. Lettura del testo elaborato in residenza. Restituzione data e luogo: venerdì 16 settembre, ore 18.00, Teatro dei Fabbri Ingresso Gratuito all'evento Tesla nasce dalla volontà di proseguire questa collaborazione tra Ksenija Martinovic e Federico Bellini con il desiderio di indagare una delle figure più enigmatiche del ventesimo secolo: lo scienziato serbo Nikola Tesla. Tesla è stato un geniale inventore, un fisico e ingegnere elettrico. Questa residenza artistica è un “attraversamento” in collaborazione con A. Artisti Associati di Gorizia e il CSS di Udine.

NOI SIAMO INVECE

dal 18 al 25 settembre e dal 2 al 8 ottobre 2022

Ideato e scritto da Angelica Bifano Con Angelica Bifano e Jacopo Bottani Regia Giovanni Battista Storti Dramaturg Jacopo Bottani Materiale visivo Maria Vittoria Rossi Evento Collaterale: La famiglia, invece? - conversazione con Lucio Prodam e gli artisti in residenza. Mercoledì 5 ottobre ore 18.00, Teatro dei Fabbri Restituzione data e luogo: sabato 8 ottobre, ore 18.00, Teatro dei Fabbri Ingresso gratuito su prenotazione - contrada@contrada.it / 040 948471 Lara sta per compiere diciotto anni. Al supermercato, conosce Beppe, un ragazzo di qualche anno più grande. I due si piacciono, lui la conquista, si mettono assieme. Parallelamente scorre la vicenda dei genitori di Lara, un Padre e una Madre incapaci di ascoltarsi, di parlarsi, di capirsi. Noi siamo invece è un’indagine sul tema della separazione, sia come atto mancato che come tappa sofferta, la storia di due coppie e due generazioni che si sovrappongono, confrontandosi con la medesima necessità di parlare per comprendersi.

BINAH

dal 10 al 25 ottobre 2022

Progetto ideato da Paola Pisani Musiche di Ivan Penov Evento Collaterale: Arte e Biologia: una partita a scacchi con dio? conversazione con Eunice Tsang, Anna Menini, Mamad Darai, Maria Campitelli e gli artisti in residenza. Venerdì 21 ottobre ore 18.00, Teatro dei Fabbri Restituzione data e luogo: martedì 25 ottobre, dalle ore 17.00 alle ore 20.00, Basilica di Cristo Salvatore detta di Chiesa San Silvestro (Piazza S. Silvestro, 4) Ingresso gratuito su prenotazione - contrada@contrada.it / 040 948471 Binah è un intervento per un’installazione che prende ispirazione dalla natura. La ricerca comprende questioni ecologiche intrecciate in modo complesso e bioarte. L’intervento si articola in due fasi: una di biomonitoraggio, con l’osservazione diretta e costante di flora e fauna, l’altra di elaborazione visiva, sonora e plastica dei dati. É la lotta delle cose invisibili all’interno del corpo che, una volta portata all’esterno, acquisisce una valenza sacrale. L’universo diventa il vestito del corpo ed il corpo diventa il contenitore dell’anima.

PARADISI

dal 28 ottobre
all'11 novembre 2022

Direzione e coreografia Matteo Carvone Con Emilie Ouedraogo aka Lady Mad Skillz e Ludovic Manchin-Opheltes aka Kellias Scena e drammaturgia Francesco Cocco Sound designer Giovanni Dinello Evento Collaterale: Stairway to heaven - Conversazione con Valentina Magnani, Fabiola Faidiga e gli artisti in residenza. Martedì 8 novembre ore 18.00, Teatro dei Fabbri. Restituzione data e luogo: venerdì 11 novembre, ore 18.00, Mercato Coperto (Via Giosuè Carducci 36). Ingresso gratuito su prenotazione - contrada@contrada.it / 040 948471 Paradisi è un duetto che vede in scena due danzatori Krump dalle periferie parigine, Kellias e Lady Mad Skillz, interpreti molto conosciuti a livello internazionale all’interno di questa subcultura urbana. Il focus è mettere in luce due personaggi intrappolati in un presente che appare come una barriera f isica, per prefigurare un futuro diverso: i paradisi, quei luoghi dove la bellezza regna sovrana, una bellezza cruda e violenta, che nasce dalla spinta all’emancipazione e al riscatto sociale.

UNONESSUNOECENTOMILA

dal 27 novembre
all’11 dicembre 2022

Con Tommaso Bianco e Maurizio Sguotti Regia Kronoteatro Luci e musiche Alex Nesti Drammaturgia Luciana Maniaci e Francesco D’Amore Evento Collaterale: UNC Terreni Creativi - Conversazione con Roberto Canziani, Ariella Reggio e gli artisti in residenza. Martedì 6 dicembre ore 18.00, Teatro dei Fabbri. Restituzione data e luogo: domenica 11 dicembre, ore 18.00, quadrilatero di Rozzol Melara. Ingresso gratuito su prenotazione - contrada@contrada.it / 040 948471 Al centro c’è il Padre, figura sfuggente, al contempo ingombrante e assente, che si odia senza conoscere e che lascia dietro di sé dubbi e ferite. Ci chiediamo così se siamo frutto di chi ci ha generato ma anche se l’albero è sano e ha ancora qualcosa da dire. Con stile acido eppure candido emerso già ne La Fabbrica degli Stronzi gli artisti vogliono metterci di fronte agli aspetti più agghiaccianti dell’istituzione famigliare: le sue verità scivolose e il mistero di cosa ereditiamo mentre il mondo va spegnendosi.